Guida al Play by chat
Il Play By Chat
Guida al Play by chat
Cos'è il Play by chat
Il PBC un GDR testuale in chat, chiamato anche GDR play by chat. E' un gioco di narrazione collettiva nel quale un gruppo di giocatori decide di interpretare dei personaggi di fantasia, muovendoli all'interno di un'ambientazione predefinita e secondo delle regole specifiche.

Tecnicamente questo avviene in un'interfaccia web, utilizzando lo strumento della chat room, attraverso un sistema di regole e convenzioni che consentono di relazionare dei personaggi attraverso dialogo e azioni in tempo reale, alternando la narrazione con gli altri giocatori presenti, seguendo dei turni predeterminati.
L'interfaccia di un GDR è composto da un'area di strumenti e applicazioni, quali forum, missive e vari applicativi utili ai giocatori e vi si può accedere sempre, nei tempi previsti di gioco, portando avanti la storia e la crescita del personaggio.
Le chat rappresentano luoghi fisici all'interno dei quali il nostro personaggio potrà muoversi: e così una chat rappresenterà una taverna, una bottega, una piazza e così via. Talvolta la narrazione sarà seguita ed incoraggiata da un Master, tramite il mezzo delle quest, cioè di sessioni di gioco guidate. 

Scopo:  Lo scopo del gioco è l’interpretazione di uno o più personaggi, il loro inserimento nella società in cui vivono, la conquista di un ruolo sociale e la partecipazione all'ambientazione ossia la storia corale della realtà del gioco. Questo avviene in una serie di avventure e situazioni che il personaggio vive e che comportano una serie di conseguenze
Come si gioca
Parte fondamentale del gioco di ruolo via chat (GDRPBC), è la scrittura tramite le Chatroom, o Room.

Questo spazio, puramente virtuale, è la parte fondamentale di ogni GDRPBC, anche dal punto di vista tecnico e stilistico.
Ogni chat, rappresenta una parte "fisica" del gioco. Uno spazio aperto, un posto specifico, un vicolo, una struttura, una zona, una parte che si
presuppone sia utile per l´interazione fra i personaggi. Questi "Luoghi" hanno normalmente delle descrizioni e delle informazioni utili per fare in modo che l´utente possa orientarsi e comporre in modo quanto più accurato possibile il proprio intervento.
Tutte le chat hanno una stringa sul fondo dove viene composto l'intervento, normalmente chiamato azione.
Il gioco consiste nel descrivere secondo le modalità che veniamo a spiegare, cosa fa il personaggio, in quello specifico ambiente, interagendo con gli altri giocatori attraverso dialoghi e movimenti.

Azioni
L'azione è la convenzione attraverso la quale si interagisce. Per "Azione" si indica semplicemente la descrizione di quanto il personaggio fa e di quello che dice: i modi, le intenzioni, e spesso le volontà di interagire con altri Personaggi. Si tende a scrivere, cioè, ciò che effettivamente si vede del personaggio, ciò che mette in mostra,
mentre si muove, i movimenti che compie, ed in ultimo, le intenzioni di interazione con gli altri Personaggi.
Il testo presentato nell'azione ha prevalentemente due componenti fondamentali:

~ Movimenti comunemente detti "descrittivo"
~ Dialoghi comunemente detti "parlato"


  • Quella di Keith è un'azione di movimenti o più comunemente chiamata "descrittiva".L'azione descrittiva è punto di vista del giocatore, che descrive quanto fa il personaggio cogliendone i suoi aspetti dinamici. Stilisticamente risulta in grassetto sulla chat e si ottiene antemponendo il segno # o + al testo.In essa non compare il parlato che compare, invece nell'azione di Nicolette. La parte descrittiva delle azioni è scritta in terza persona.
  • Quella di Doreah è un'azione "parlata". Il parlato viene *udito* dagli altri e consente una replica, come quello che il pg fa viene visto dagli altri e consente ugualmente una reazione. Spesso è accompagnato da una descrizione minima che permette di visualizzare meglio il personaggio, la sua voce e i suoi modi mentre parla. In genere si evidenzia in chat con il grassetto inserendo il parlato tra le due parentesi angolari <>. 

Non esistono su IGI azioni di pensato. I cosiddetti pensieri in azione sono ERRORI perchè non consentono interazione.

Come si scrive in chat
Si può scrivere un'azione in solo descrittivo, in solo parlato e in entrambi i modi.

Il solo descrittivo risulta graficamente scritto in grassetto sulla chat e si ottiene antemponendo il segno # o + al testo nella stringa inferiore alla chat. Esempio:

Scrivendo nella stringa:

Otterrò in chat:

 Si evidenzia in chat con il grassetto inserendo il parlato tra le due parentesi angolari <>. 

Scrivendo nella stringa:

Avrò in chat:

 

La correttezza delle azioni
Sono azioni proprie e corrette quelle che consentono un´interazione con gli altri e danno modo al gioco di evolvere in una dinamica, appunto, interattiva, di scambio.

Tutto quello che esula dall´interazione e che non offre elementi ai partecipanti di interazione è *scorretto*, non per gusto o per estetica, ma per funzionalità e scopi del gioco.
Se giocando alla playstation invece di muovere cliccare su un pulsante lo accarezzi, il gioco non funziona. Il tasto ha una funzionalità: ugualmente lo ha la scrittura nel gdronline. E´ il tuo strumento interattivo e va usato correttamente. Due sono le scorrettezze primarie nelle azioni: il pensiero in azione e l'uso dell'italiano "barocchese":

Il pensiero in azione propriamente detto non ha ragione di sussistere perchè non è interattivo. 

+Caio pensa "sono nervoso" e guarda la porta pensando che può entrare da un momento all´altro il suo nemico.
E' scorretto perchè nessuno può venire a chiederti "Hei Caio cos´hai?"

+Caio siede al tavolo bevendo una birra e lancia a Sempronio un´occhiata cupa. Batte nervosamente le dita sul tavolo, mordicchiandosi di tanto in tanto le labbra. I suoi occhi cercano spesso la porta come se controllasse con particolare attenzione chi entra ed esce.
E' corretto perchè suggerisce uno stato d´animo e un atteggiamento tipico, per cui chiunque può iniziare un´interazione con te in quanto coglie fisicamente indizi su un sentire del tuo personaggio e farne una ragione di approfondimento col parlato.

Le azioni descrittive in barocchese sono errori e non una questione di gusto.

Il punto di vista del descrittivo è quello del giocatore, che coglie il personaggio nei suoi aspetti dinamici e interattivi, motivo per il quale sono ERRORI descrizioni in italiano ricercato e arcaico, perchè oltre a essere pesanti e brutte, spesso piene di inesattezze lessicali, non sono espresse dal punto di vista del giocatore ma del personaggio.

Esistono anche occasioni, in giocate lente, con pochi interagenti, in cui nella descrizione puoi inserire frasi ad effetto, di commento. Brevi, senza eccesso, ricordandoti sempre che il descrittivo è sempre la voce del giocatore che coglie il personaggio. Anche questi possono essere modi di rendere un personaggio e uno stile di gioco più coinvolgenti. Ma occorre tempo, osservazione di giocatori più vecchi, più capaci di te, che sempre esistono. 
Scrivere il parlato in barocchese invece non è un errore ma rischi di rendere il tuo gioco lento, noioso e poco leggibile e comprensibile. Ricorda sempre che l'interazione è il fine primario del gioco di ruolo. 
In sintesi fare pensieri in azione come scrivere in italiano arcaico sono errori, non scelte di gusto.

Dadi o descrittivo?

ASOIAF-IL GRANDE INVERNO è un gioco lungamente progettato che ha una peculiarità: media tra gioco cartaceo tradizionale e descrittivo tipico del PBC.
IGI è un gioco basato sul descrittivo e la descrizione è fondamentale: però l'interpretazione del personaggio viene ancorata a dei parametri, l'esperienza, che indicano la competenza del personaggio. Man mano che si gioca, quindi è possibile aumentare le conoscenze del personaggio. E' un sistema molto libero, i pg non sono schematizzati nella rigidità delle classi tipica del gioco da tavolo: sono componibili, spaziabili attraverso varie aree di competenza. Non solo: IGI non usa dadi, se non in sporadiche giocate legate alla sorte: questo perchè il sistema non concepisce esiti automatici e lascia al giocatore la possibilità di determinare gli esiti secondo convenzioni specifiche, che non lasciano molti dubbi.

Esiste una tecnica del gioco in chat, che si guadagna pian piano che si gioca, che consiste nel fare della scrittura non un'esercizio di stile, ma un mezzo potente e critico, per simulare in chat e rendere quello che non si può vedere o sentire, come accade nei videogiochi o a un tavolo. Non basta scrivere: "ti do una spadata" e non servono cento righe per farlo bene, serve scriverlo con le convenzioni che rendono possibile a chiunque di riconoscere una specifica e comune tecnica in chat. Man mano che giocherete imparerete come utilizzare questa tecnica, che è un sistema appassionante per tanti giocatori. 

Cardini del GDR PLAY BY CHAT
I cardini essenziali del GDR comuni a qualsiasi gioco di ruolo e imprescindibili suAsoiaf-Il Grande Inverno sono tre: interpretazione, ambientazione, interazione.
Interpretazione: L'interpretazione è la capacità di saper rendere attraverso la tecnica del gioco e la scrittura il vostro personaggio visibile agli altri. L`interpretazione è il parametro fondante del GDR e avviene attraverso una pratica precisa, l’interazione 
Ambientazione: è il mondo nel quale il personaggio si muove. Storia, società, progresso, usi e consuetudini fanno l’ambientazione cui il personaggio deve adeguarsi per essere coerente.
Interazione: è il rapporto tra l’azione del personaggio e la reazione dell’ambiente e degli altri personaggi a quell’azione fondamento del gioco: per interagire correttamente si usano delle piccole convenzioni tecniche di cui la prima è la turnazione.

OFF GAME E ONGAME

All'interno del gioco è convenzione definire tutto quello che riguarda il personaggio come ONGAME. Quello che riguarda il giocatore invece è OFFGAME. E' importante comprendere che quanto un personaggio fa o dice non corrisponde a quello che direbbe il giocatore che lo muove.
In un gioco a proiezione interpretativa viene spesso abbastanza naturale prendersela in off perchè il personaggio che abbiamo di fronte è duro e ci insulta. E' importante ricordare che tutti i personaggi sono l'interpretazione di un ruolo e che pertanto non va confuso il personaggio col giocatore.  

CREDITS: Testo liberamente adattato da  Play by Chat - Una guida base per l'utente di Autori Vari 

Torna SU